Il mio gatto non vuole mangiare penso - Cause e cosa fare

1 mese ago · Updated 4 settimane ago

Il mio gatto non vuole mangiare penso

Nel seguente articolo di Animal Expert, in collaborazione con KOME, esaminiamo perché il tuo gatto non vuole mangiare cibo, le cause e cosa fare per farlo mangiare.

Molti caregiver optano per il mangime per nutrire i loro gatti, in quanto è un'alternativa economica e facile da gestire e conservare. Inoltre, ci sono marchi che offrono mangimi di alta qualità, quindi abbiamo la certezza di coprire le esigenze nutrizionali del nostro felino e, quindi, contribuire a mantenere la sua qualità di vita. Ma, per diversi motivi, ci sono gatti, gattini o adulti, che si rifiutano di mangiare il mangime, il che può essere molto preoccupante e sconcertante per i loro caregiver.

Per incoraggiare un gattino a mangiare cibo è una buona idea immergerlo con acqua tiepida in modo che si ammorbidisca e la sua consistenza assomigli più a quella della lattina. Inoltre, il cibo caldo emana un odore che lo renderà più attraente per il piccolo. D'altra parte, va tenuto presente che i gattini possono impiegare un po ' per rinunciare al latte e passare esclusivamente al cibo solido. Questo è normale e ogni gatto ha bisogno del suo tempo, ma dovremmo contattare il veterinario se smette di mangiare completamente o rileviamo segni clinici come letargia, vomito o perdita di peso.

Prima di tutto, devi sapere che i gattini sono animali mammiferi che, come tali, si nutrono di latte materno almeno durante le loro prime settimane di vita. Intorno al mese possiamo iniziare a introdurli al cibo solido che vogliamo che consumino in futuro, iniziando il periodo di svezzamento. Durante questa fase di transizione non dovrebbe sorprendere che i gattini rifiutino il cibo. In questi casi, è comune vedere che il tuo gatto non mangia cibo, solo cibo umido. È normale, poiché il mangime è duro e più difficile da masticare e deglutire. Ecco perché è comprensibile che sia molto più attraente e più facile per te optare per cibi umidi o in scatola, così come cibi fatti in casa, poiché la sua consistenza, molto più morbida, facilita queste prime assunzioni.

Quando il gatto è già un adulto, possiamo anche trovarci nella situazione di rifiutare il mangime. Logicamente, non sarà più dovuto a un problema allo svezzamento. In questo caso, vediamo di seguito le cause principali:

È usato per altri alimenti

I gatti sono animali molto attaccati alla loro routine, che include mangiare solo gli alimenti che conoscono. Ciò significa che un gatto abituato al cibo o alle lattine fatte in casa probabilmente non accetta il mangime o, almeno, ci vuole un po ' per adattarsi.

Il nuovo feed è di bassa qualità

In altri casi può accadere che tu abbia cambiato il mangime al tuo gatto e lui non mangi. Come abbiamo sottolineato, sarà influenzato dalla novità, ma potrebbe anche essere che il feed non sia attraente per lui a causa della sua qualità o perché è meno gustoso. Questo di solito accade quando un gatto si ammala e deve cambiare il mangime per un'altra dieta.

Se consideri che il motivo che spiega perché il tuo gatto non vuole mangiare cibo è che quello nuovo non è di buona qualità, la soluzione sta nell'acquistare un cibo che soddisfi le esigenze nutrizionali dell'animale. In questo senso, il cibo per gatti di KOME è realizzato con ingredienti naturali al 100%, senza OGM o additivi artificiali. Per quanto riguarda la sua composizione, si distingue per contenere un'alta percentuale di proteine di origine animale. In particolare, ha il 30% di pollo idrolizzato. Questo fattore è molto importante perché i gatti sono animali carnivori, quindi richiedono che l'ingrediente principale del mangime sia carne o pesce di qualità.

È malato

D'altra parte, se il tuo gatto non vuole cibo secco, può anche essere perché soffre di qualche malattia. Ci sono numerose patologie che iniziano con una perdita di appetito, oltre ai segni clinici che dipenderanno da quale di essi viene trattato. Ad esempio, ci possono essere vomito, diarrea, ipersalivazione, tosse, febbre, ecc. Nei gatti più giovani, soprattutto se non sono vaccinati, si dovrebbe sempre tenere a mente la possibilità di malattie infettive come panleucopenia o rinotracheite. I gatti più anziani, al contrario, hanno maggiori probabilità di essere colpiti da malattie croniche o degenerative come insufficienza renale o osteoartrite.

Soffre di un problema orale o di un disturbo digestivo

Inoltre, qualsiasi problema orale, come la gengivostomatite, può causare dolore e far smettere di mangiare il gatto, non perché non lo voglia, ma perché non può. Un'altra possibile causa sono i disturbi digestivi come le temute palle di pelo. Inoltre, un gatto stressato, ad esempio quando è in calore o quando fa molto caldo, può smettere di mangiare. Qualsiasi sospetto di un problema fisico o psicologico dovrebbe farci andare dal veterinario.

C'è troppo nella ciotola

Infine, è importante controllare la quantità di mangime che diamo al nostro gatto per sapere se davvero non mangia, mangia meno di quanto dovrebbe o lascia nell'alimentatore perché stiamo superando la quantità raccomandata per lui. Di solito è difficile per i caregiver vedere i loro gatti grassi, il che porta al fatto che, a volte, non è che il gatto non vuole mangiare cibo, ma che non ha bisogno delle quantità in cui viene fornito.

Go up